Home Salute Ospedale Militare di Taranto, 89 milioni del Governo per potenziare la sanità...

Ospedale Militare di Taranto, 89 milioni del Governo per potenziare la sanità militare e metterla a disposizione dei cittadini

Taranto Monumento ai Marinai

Un importante investimento è in arrivo per la città di Taranto. 89 milioni di euro al vaglio del Parlamento per potenziare l’Ospedale Milita di Taranto e mettere diversi servizi sanitari a disposizione dei cittadini del capoluogo ionico.

Mario Turco, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega agli investimenti ed alla programmazione economica, nella mattinata di ieri, ha fatto visita al Centro Ospedaliero della Marina Militare di Taranto.

Ad accogliere il Senatore Mario Turco vi era l’Ammiraglio di squadra Edoardo Serra, in qualità di comandante logistico della Marina, dall’Ammiraglio di divisione Salvatore Vitiello, in qualità di comandante di Marina Sud, e dal Direttore dell’Ospedale Militare di Taranto, il Capitano di Vascello Fiorenzo Fracasso.

L’obiettivo della visita riguarda il nuovo intervento finanziario che andrà a migliorare la sanità militare. Si tratta di un importante finanziamento, pari a 89 milioni di euro, che è già stato inserito all’interno del Decreto Rilancio e che attualmente è all’esame in Parlamento.

Tra le varie proposte esposte al Senatore Turco durante la sua visita al Centro Ospedaliero Militare di Taranto vi è il potenziamento del laboratorio di analisi e di alcuni altri servizi che vengono utilizzati anche dalla società civile. Il finanziamento si occuperà anche del recupero di alcune strutture di degenza che in futuro potranno essere poi usate anche per usi universitari.

Secondo il Senatore Turco si potrebbero valorizzare l’ampio spazio naturalistico presente all’interno del Centro Ospedaliero che potrebbe diventare un importante polmone verde della città di Taranto. E non è da sottovalutare anche l’importanza archeologica del sito che potrebbe diventare un importante polo attrattivo culturale.

L’obiettivo principale quindi sarà quello di effettuare lavori celeri per potenziare la sanità della Marina Militare e di porla a disposizione dei cittadini del capoluogo ionico, effettuando così una crescita congiunta, sia della Marina Militare che della città di Taranto.